Home » C Maschile » SERIE C. La Synergy non molla fino all’ultimo, ma a vincere è l’affannata Virtus Siena (70-65)

SERIE C. La Synergy non molla fino all’ultimo, ma a vincere è l’affannata Virtus Siena (70-65)

Parziali : 19-12; 39-20; 53-41

Con un infinito orgoglio, la Synergy di coach Pescioli ci ha provato fino agli ultimi sgoccioli di gara e per poco non ha rimesso in piedi una partita nella quale i valdarnesi hanno sempre inseguito, più volte anche a venti punti di distanza. Dopo aver condotto con una certa serenità per tutta la gara, i senesi del rientrante Lenardon sono invece giunti nel finale con il fiato corto ma, nonostante le continue bordate di un indemoniato Tello, il team di Ricci è riuscito a cogliere una vittoria che fin lì non era sembrata in discussione.

In attesa del derby di domenica prossima contro il Galli-Terranuova, Pescioli può comunque guardare al bicchiere mezzo pieno. Nonostante la perdurante assenza di un pezzo da novanta come il play Basilicò e le prove non brillanti in attacco di gran parte delle proprie guardie, la squadra del coach di Pontassieve ha mostrato carattere per risalire due volte da scarti pesanti per arrivare quasi a giocarsela nell’ultimo minuto di gara. Da segnalare la prova di Tello (presentatosi senza allenamenti nelle gambe, ma autore comunque di 36 punti), apparso preciso ed addirittura scatenato nell’ultimo frangente di gara (21 punti nel solo quarto finale, quasi un record).

Olleia (il migliore dei suoi, insieme a Severini) e Martino aprivano le danze per i padroni di casa, ma era il pimpante Norci a dare fiato alla reazione dei valdarnesi. La Virtus era però più decisa in attacco e riusciva ad allungare di nuovo, ma Falsini e Pavese ricucivano ancora la distanza per raggiungere il 19-12 alla prima sirena.

Nel secondo tempino, Pescioli presentava la zona dispari e Siena doveva ragionare di più. I valdarnesi, però, non producevano grandi cose in attacco ed il team di casa poteva allungare decisamente con le triple dell’ottimo Olleia. Tello provava a scuotere i suoi ma Bianchi ed il solito Olleia creavano scompiglio nella difesa ospite costringendo la Synergy a chiudere mestamente la frazione su un eloquente -19 (39-20, al 20’).

Brandini e compagni uscivano dagli spogliatoi con un rinnovato piglio ma la Virtus, nonostante un Imbrò decisamente deludente, sembrava non averne di meno. Ricci usava Lenardon con il bilancino e la presenza del play senese dava consistenza alla manovra dei padroni di casa.

La tripla di Tello dava però inizio ad una rimonta dei valdarnesi. Stagi si univa al compagno di reparto e la Synergy poteva avvicinarsi fino al -8. Siena, però, poteva sfruttare il lavoro in area ed i conseguenti tiri liberi per mantenersi ancora tranquilla in testa (53-41, al 30’).

All’inizio dell’ultimo tempino, Pavese stimolava i propri compagni alla riscossa. Siena non si lasciava però intimorire e trovava con lo sgusciante Severini preziosi punti dal colorato. Sembrava finita, ma sul -18, Pescioli rimetteva i giovani Brandini e Norci ottenendo dalla propria squadra ancora un’immediata reazione. In trance agonistica, Tello segnava da ogni dove e la Synergy tornava sempre più vicina. La Virtus restava per lunghi minuti imbambolata, ma ad un minuto dalla fine ci pensava il gioco da tre punti di Lenardon a darle un po’ di fiato. Ma non era finita. Tello non ne voleva sapere di andare sotto la doccia e in un batter d’occhio portava la Synergy fino al -4. La Virtus, però, era fredda dalla lunetta e con Bianchi metteva definitivamente le mani su un’agognata vittoria (70-65).

Nonostante qualche errore, la conduzione di gara del duo arbitrale Facchini-Fabiani è sembrata salda e serena.

VIRTUS SIENA: Ricci 4, Bianchi 8, Mugnaini, Zeneli 2, Olleia 25, Lenardon 7, Imbrò 3, Falossi, Martino 8, Severini 13. All.re Ceccarelli. Staff: Ricci, Voltolini, Cervelli, Fossi e Biagini.

SYNERGY BASKET S.GIOVANNI VALDARNO: Stagi 5, Bucciolini, Norci 7, Nesterini 3, Falsini 4, Brandini 1, Giorgi 2, Berti 2, Tello 36. Allenatore: Pescioli. Staff: Vannelli, Basilicò e Prisinzano.

Arbitri: Facchini e Fabiani.